Gentleman dicembre. Tendenze per l’Inverno

di Giulia Pessani

Tre donne, tre stili, tre servizi di moda. Il gioco delle collaborazioni fra moda e artigianato per esplorare nuovi percorsi creativi. Viaggiare, da intellettuale o da edonista? E poi, gioielli, accessori, trend.

gentleman-magazine-italia-speciale-dicembre-21

«L’eleganza è l’equilibrio tra le proporzioni». Tra le moltissime frasi celebri sul’eterna (essenziale o superflua…) ricerca di eleganza, questa dello stilista Valentino è anche la sintesi dello spirito che ha costruito il servizio di moda Dark Tales di Gentleman&Lei. Geometrie, effetti speciali con intarsi di tessuti, coup de théâtre, colpi di scena, sono studiati dai grandi stilisti per creare abiti dalle proporzioni perfette. Valentino, appunto, ma anche Armani, Fendi, Dolce & Gabbana, Dior, Gucci, Prada animano il palcoscenico e la platea con sorprese ed effetti speciali che raccontano avventure e sogni segreti. Se il desiderio è, invece, quello di libertà, una fuga dalla città, l’eleganza cambia volto. Ed ecco Mare d’inverno , che fotografa l’evasione dal quotidiano e dal formale, per suggerire look che avvolgono il corpo con tessuti morbidi e caldi, dai colori naturali. Infine, la terza donna di dicembre, quella più intellettuale, sempre alla ricerca di connessioni evidenti, ma anche sotterranee, da scoprire.

«L’ELEGANZA È EQUILIBRIO TRA LE PROPORZIONI»

Per lei, Affinità elettive , che è il frutto della collaborazione fra la maison francese Louis Vuitton e il designer milanese Fornasetti. Abiti e accessori che diventano citazioni. Nicolas Ghesquière, stilista di Louis Vuitton, ha rielaborato i disegni di Piero Fornasetti che, a sua volta, aveva rielaborato l’universo estetico dell’antichità greco-romana, del mondo dell’architettura e dei famosi ritratti cammeo. D’altra parte, la ricerca di realtà artigianali inaspettate, come può essere Fornasetti per un colosso del lusso come Louis Vuitton, è un segno della sempre maggiore attenzione da parte dei fashion brand di contaminazioni creative e delle origini manifatturiere di tutta la filiera. In questa prospettiva va visto anche il Grand Tour  di Fendi che, a Roma, nella sede di Palazzo della Civiltà all’Eur, ha messo in mostra Hand in Hand: 20 piccoli, grandissimi, artigiani, uno per ogni regione italiana, che hanno reintepretato l’iconica Baguette. Il risultato sono 20 borse, in edizione limitatissima, uniche e sorprendenti, in salice intrecciato, con i coralli a retroincastro, in pizzo. È la nuova dimensione glocal: dal locale al globale, collaborazioni che raccontano affinità elettive e che regalano luce reciproca a chi ne fa parte. Come le belle storie d’amore.

A proposito di Grand Tour, l’imprenditore Brunello Cucinelli, che ha lanciato l’idea di una biblioteca universale nel suo borgo umbro, Solomeo, ha dato il la a un servizio sulle più belle biblioteche del mondo. Dal Monastero di Admont in Austria, a Tokyo, dall’Abbazia di San Gallo in Svizzera, al Monastero di Santa Caterina nel Sinai . Per chi vuole un viaggio edonista, gli chalet di Ariane de Rothschild, a Megéve, trasformati in ski resort dal Gruppo Four Seasons. Per una vacanza leggendaria, con experience sportive, culinarie e di benessere. A tutto tondo. Beauty, con il face-up per i party dell’inverno, le nuove tendenze nell’arte profumiera e il trucco più sexy. Design, gioielli e orologi al femminile per l’albero di Natale e molto altro in questo numero. Buona lettura, buon divertimento.

gentleman magazine italia editoriale Gentleman&Lei Maggio cover

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo