Gentleman Luglio Eco Lifestyle

di Giulia Pessani

La moda, i gioielli, l’ospitalità, la mobilità green… Non importa (o non conta solamente) il prezzo. I valori guida sono innovazione, sostenibilità, autenticità. Tutti da scoprire nel numero di Gentleman Luglio, dedicato ai Gentleman della sostenibilità

gentleman-magazine-italia-cover-Gentleman-luglio-i-gentleman-della-sostenibilità-

La transizione ecologica è la sfida del presente per i prossimi anni e coinvolge ogni settore, a cominciare dal luxury lifestyle. Per una ragione molto logica e diretta che, una delle più importanti e accreditate esperte a livello mondiale, Anisa Kamadoli Costa, spiega nell’intervista pubblicata in questo numero: i top brand sono aspirazionali perché lanciano prodotti e tendenze desiderabili e, per la loro stessa natura, diventano modelli di ispirazione da seguire.

Un meccanismo che ha pochi segreti per Anisa Kamadoli Costa, presente nel board di numerose e importanti fondazioni americane e nel consiglio del World Economic Forum per la sezione diritti umani: la top manager guida, infatti, il programma ambientale, sociale e di governance (Esg) di Tiffany & Co., marchio icona dei gioielli, entrato nel 2020 nel polo del lusso francese Lvmh.

Del resto, dove c’è maggior consapevolezza, minore necessità materiale, estrema attenzione alla bellezza, ha spesso inizio un percorso verso la sostenibilità e, più in generale, verso i temi Esg.

È una sorta di dovere morale? Una spinta autentica o un’abile operazione di marketing? Un investimento a lungo termine, perché la sostenibilità darà maggiori ricavi?
Certo è che tutti i più importanti marchi del sistema del lusso hanno aperto la pratica e ci stanno lavorando.

Gentleman ha chiamato dieci big player del fashion per capire come stanno affrontando questa sfida. La prima considerazione è che tutti sono seriamente impegnati nella riduzione dei gas serra e dell’impronta idrica, nell’impiego di materiali riciclati e riciclabili, nella trasparenza della filiera e in progetti di responsabilità sociale e inclusione. La seconda è che ognuno di loro ha anche un approccio personale e unico.

L’imprenditore veneto Renzo Rosso, per esempio, fondatore di Diesel e presidente del Gruppo OTB (Diesel, Margiela, Marni, Jil Sander…), attraverso la sua società Red Circle, ha di recente investito in Planet Farms, start up italiana specializzata in agricoltura verticale (si coltivano ortaggi con un risparmio del 95% di acqua e del 90% di suolo rispetto ai sistemi tradizionali).

Sempre Renzo Rosso, che, in onore delle sue origini contadine, da tempo lavora sul settore agrifood con Diesel Farm, a inizio 2021 era entrato nel capitale di Cortilia (spesa online a km zero) e l’anno scorso nell’azienda vitivinicola Masi.

Affinità elettive tra fashion&food? Certamente. Ma, prima di tutto, comunione di due valori, innovazione e sostenibilità.

Gli stessi valori che sono alla base degli enormi e decennali investimenti del settore automotive per migliorare sempre di più le prestazioni su strada delle quattroruote. Un consumatore attento all’ambiente, amante della guida sportiva e di lusso, che cosa ha a disposizione oggi? Energia pura, cioè auto elettriche e ibride che uniscono all’attenzione all’ambiente anche la velocità e il piacere di guida. Non più solo city car, insomma.

E in mare? Anche qui lo yachting sta facendo passi da gigante. Uno dei punti di forza della cantieristica italiana sono le barche in acciaio e alluminio, metalli che, da soli o combinati, sono sinonimo di riciclabilità.

Un’esperienza di natura assoluta, straordinaria, da non perdere: l’Isola Lunga, in Sicilia, nella Riserva dello Stagnone, fra Trapani e Marsala. Da quest’estate, grazie a un gruppo di coraggiosi imprenditori, guidati da due antesignani del turismo sostenibile, Piero Galli e Davide Rampello, reduci dal successo di Expo Milano, questo paradiso segreto apre le sue porte ai visitatori.

Buon viaggio, buon divertimento a tutti.

gentleman luglio 2022 speciale sport

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo