Spirito libero, tra Emilia e Toscana

di Silvana Mompelieri

Tre indirizzi da non perdere per gli amanti dello sport en plein air e della natura. Nei borghi più belli tra Toscana ed Emilia.

Il borgo antico di Sorano.

Tra borghi più belli tra Toscana ed Emilia a dominare la scena: Sorano, Sovana, Pitigliano, tre gemme prima etrusche, poi romane, feudi degli Aldobrandeschi e degli Orsini, fino a far parte del Granducato di Toscana. Per bypassare la difficoltà di comunicazione tra le città arroccate e raggiungere i campi coltivati, gli abitanti hanno scavato il tufo creando le misteriose vie cave, oggi percorribili a piedi e in bicicletta.

La piscina dell’agriturismo Sant’Egle.

Su un pianoro di quattro ettari, a una manciata di km da Sorano, sorge l’Agriturismo Biologico Sant’Egle Bike Eco Resort, un tempo dogana tra il Granducato di Toscana e lo Stato Pontificio. Di quest’angolo della Maremma, si sono innamorati una decina di anni fa Erika, fiorentina doc ed ex campionessa di moto rally, e il marito Alessandro. Da qui l’idea di dare vita a un agriturismo ecocompatibile di alta gamma, puntando su un’accoglienza all’insegna del «less is more». Nelle sette camere e suite si respira l’anima dei proprietari, improntata alla ricerca del bello e dell’autentico.

Una delle camere dell’agriturismo Sant’Egle.

Ognuna delle sette camere è arredata con oggetti originali, genialmente riciclati, come il forcone contadino che sostiene la tenda bianca. Gli ospiti, dopo una super colazione con prodotti dell’orto, hanno a disposizione un portico personale con vasca idromassaggio in legno, affacciato sulla piscina bio di acqua salata.

La via cava di San Rocco a Sorano.

Tra le gite più belle, c’è Sovana e il Parco archeologico «città del tufo». Oppure percorrere la via cava di San Rocco, immersa nel bosco, da dove si gode una vista spettacolare sulla rocca. Scoprire le tombe etrusche in mezzo alla natura selvaggia è un’emozione. Tutto vale la pedalata… anche assistita.

Borgo San Felice.

Wine tour nel Chianti

Immerso tra i vigneti del Chianti Classico, il Relais Château Borgo San Felice, di proprietà del Gruppo Allianz, offre un’accoglienza autentica nelle camere e suite restaurate con legno e travertino, e calde tonalità nei colori della natura. Gli ospiti possono prenotare in esclusiva Villa Casanova e Villa Colonna, circondate da un giardino con piscina, e godere dei servizi offerti dall’hotel come l’acquisto delle primizie dell’Orto Felice e la possibilità di organizzare un barbecue nel proprio déhors con gli chef stellati dei ristoranti del Borgo: l’executive chef Juan Quintero e il pluristellato Enrico Bartolini. Wine tour in cantina e i trattamenti con la linea della Maître Parfumeur Maria Candida Gentile completano l’offerta.

Château d’Emilia Venturini Baldini.

Una sosta di charme

Uno dei borghi più belli tra Toscana ed Emilia è nelle terre di Matilde di Canossa, all’interno della Tenuta di Roncolo, fondata nel 1976 da Carlo Venturini e Beatrice Baldini di cui porta i nomi, ma oggi di proprietà di Julia e Giuseppe Prestia, sorge il primo Château d’Emilia, un relais di sole 11 stanze dall’anima green circondato da un bel parco e vigneti (nella foto, il ristorante).

Nella cantina nasce il Lambrusco e l’acetaia del ‘700, dove si produce il Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop, è stata oggetto di una recente ristrutturazione. Un tour in zona è l’occasione per scoprire le bellezze del territorio, non lontano da Parma, che ambisce a diventare la Wine Valley emiliana, esaltando il ricco patrimonio enogastronomico.

gentleman luglio 2022 speciale sport

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo